deSidera e i bambini di Kibera a Nairobi

deSidera ancora a Kibera
Perché casa loro non sia più un Inferno
 
Nello slum di Kibera a Nairobi, tra i più grandi al mondo, i bambini in età scolare soffrono di enormi problemi di esclusione sociale. A causa dell’alto tasso di abbandono scolastico, i bambini di Kibera diventano street boys. Qui la scuola Little Prince, che conta 350 studenti tra i più vulnerabili, si è dotata di un laboratorio artistico. Gli insegnanti ogni anno preparano una rappresentazione teatrale dopo la lettura e l`approfondimento critico di un testo con gli studenti. Ogni alunno contribuisce alle scenografie e costumi, impara poesie, canti e danze oltre le parti da recitare. Proprio questa attività il festival deSidera ha sostenuto negli ultimi anni favorendo la costruzione di un teatro vero e proprio all’interno della scuola e un laboratorio teatrale guidato dal regista Marco Martinelli di Ravenna Teatro, che ha avuto come esito importante l’evento The Sky over Kibera: una rappresentazione del viaggio di Dante nella Divina Commedia, interpretata proprio dai ragazzi dello slum, che ha coinvolto 150 tra bambini e adolescenti. L’accertamento del primo caso di Covid-19 in Kenya a metà del mese di marzo ha generato ansia e paura tra la popolazione. Attualmente gli accessi al Paese sono stati limitati, gli istituti scolastici sono stati chiusi ed è in vigore il divieto di attività che prevedano la partecipazione di un elevato numero di persone. Per ovviare al problema della chiusura degli istituti scolastici, alcune scuole si sono dotate di piattaforme online, grazie alle quali è possibile svolgere lezioni a distanza e proseguire il programma didattico. Oggi l’emergenza ha costretto a risolvere problemi di didattica più diretta che sosteniamo volentieri in attesa di riprendere il cammino educativo e teatrale comunitario.